Incentivi e truffe secretati

Il post è di tre anni fa ma nel frattempo non è cambiato nulla! Con la voce A3 delle bollette ci sfilano dalle tasche una TAV all'anno e avremmo diritto di sapere dove finiscono i nostri soldi. Una delibera dell'Autorità per l'energia conferma che non é così! E' il caso di un produttore di energia assimilata alle … Leggi tutto Incentivi e truffe secretati

Il malloppo “commissariato”

Con il decreto Milleproroghe di fine anno il governo ha deciso il commissariamento del GSE - Gestore Servizi Energetici - società interamente partecipata dal MEF. Da tempo al GSE c'era una situazione imbarazzante: baruffe,licenziamenti... una suburra indegna per un ente che gestisce i nostri soldi! Il GSE gestisce gli incentivi alle rinnovabili, che noi tutti paghiamo … Leggi tutto Il malloppo “commissariato”

Le tarature dei contatori

Un impianto fotovoltaico, con potenza superiore ai 20 kWp, deve effettuare la taratura del contatore ogni tre anni, richiesta dall'Agenzia delle Dogane per la corresponsione degli incentivi da parte del GSE Per impianti di potenza inferiore non é richiesta alcuna taratura. Se il contatore non é omologato MID, ed é quindi illegale, non é possibile … Leggi tutto Le tarature dei contatori

La liberalizzazione del monopolio

Il decreto Bersani del 1999 intendeva liberalizzare il settore dell'energia elettrica. Nel 2014, una delibera dell'antitrust dimostrava che l'obbiettivo era ancora lontano,oggi lo é ancora di più e paghiamo l'energia più cara d'Europa. Prima del decreto Bersani, Enel gestiva l’intera filiera: produzione, trasmissione, distribuzione e vendita. Le municipalizzate gestivano le reti elettriche di alcune grandi città … Leggi tutto La liberalizzazione del monopolio

Ecco il conto

Il rapporto annuale del GSE - Gestore dei Servizi Energetici - è devastante. Il cap. 4 valuta l'impatto degli incentivi sulla componente A3 delle bollette, che da sola rappresenta l'80 % della voce "oneri di sistema". Nel 2016, la componente A3 valeva 14,4 miliardi di euro. Il tendenziale è impressionante e un terzo degli incentivi erogati é irregolare. … Leggi tutto Ecco il conto

Incentivi e prezzo negativo

Con grande ritardo, e lunghe resistenze, in arrivo, anche in Italia, il prezzo negativo  dell'energia, che dovrebbe ridurre il costo delle bollette, come in tutti gli altri paesi europei. L’energia elettrica non può ancora essere accumulata su grande scala e, dopo la liberalizzazione, chiunque può produrre e vendere energia alla borsa elettrica, dove domanda e … Leggi tutto Incentivi e prezzo negativo

‘O paese do’ sole

“Con il crollo del prezzo del petrolio ormai la mia auto va ad accise”. La pressione fiscale sul carburante é vergognosa. Applicate la tabella al consumo stimato annuo che é di cinque miliardi di litri. Stesso destino per energia elettrica e gas. La voce "materia prima energia" vale oggi un terzo della bolletta e tutto il resto, … Leggi tutto ‘O paese do’ sole

L’energia verde al verde

Come previsto, senza gli incentivi si arresta la corsa a nuovi impianti fotovoltaici e la produzione cala del 13% : 1.206 kWh prodotti per kW installato, rispetto a una media annua teorica di 1.368. Il calo, rispetto ai primi sei mesi del 2015, potrebbe rappresentare solo l'inizio di una discesa che sconterà l'assenza degli obbiettivi … Leggi tutto L’energia verde al verde

I signori dell’energia: Assorinnovabili

Il CIP6 e il capacity payment, il salvataggio di Sorgenia in conto MPS, le posizioni dominanti di Enel, di Eni e di Terna, sono solo esempi di come vanno le cose in Italia, dove le bollette mantengono tutti con la benedizione dell'Autorità per l'energia. A difesa degli incentivi alle rinnovabili provvede un comunicato del presidente di Assorinovabili, … Leggi tutto I signori dell’energia: Assorinnovabili

In Italia si fa così: l’eclissi

La gestione della emergenza eclissi é l'ennesima prova che siamo un paese di peracottari,e di furbi che approfittano di ogni emergenza, o presunta tale. In Germania avevano già previsto tutto e gli operatori erano stati allertati per tempo. In Italia, invece, in un primo tempo si decideva per il distacco preventivo di tutti gli impianti per 24 ore, ridotto poi a … Leggi tutto In Italia si fa così: l’eclissi