CONTATORE 2G

La sostituzione dei contatori di energia elettrica, con quelli c.d. di seconda generazione, é un’occasione unica per far valere i nostri diritti di consumatori.

Questa volta non sarà sufficiente sentirsi dire “lo deve installare, lo ha detto l’Autorità, é tutto  gratis”: la sostituzione non é obbligatoria e il costo del contatore é a carico del consumatore.

Per essere idoneo, il contatore deve soddisfare tutti i requisiti essenziali della direttiva MID che non sono per ora rispettati.

Uno dei requisiti é che il dato legale di consumo é quello indicato dal contatore e, se il contatore interagisce con qualsiasi sistema esterno, l’intero sistema deve essere legalizzato.

Il consiglio é rispondere subito alla lettera che é in arrivo in decine di milioni di case.

Se e quando si presenteranno per la sostituzione, dovrete presenziare per capire:

  • chi sono quelli che vogliono intervenire e per conto di chi lo fanno;
  • in base a quale legge viene richiesta la sostituzione;
  • come vi verrà addebitato il consumo in bolletta;
  • che la lettura del contatore da sostituire verrà contestualmente verbalizzata;
  • che se non leggete nulla sul contatore vecchio potete farlo sequestrare;
  • che il nuovo contatore é uno strumento omologato;
  • a quali normative metrologiche e di sicurezza risponde;
  • che vi sarà consegnata la relativa dichiarazione di conformità;
  • come funziona: esigete il manuale d’istruzione;
  • quali operazioni possono essere effettuate da remoto;
  • come viene protetto il dato di consumo;
  • come potrà essere verificato il contatore;
  • quanto vi costerà.

In assenza di chiarimenti il consiglio è rifiutare la sostituzione

Troverete qui le considerazioni di carattere legale.