Percorso a ostacoli per la TAP

Le dichiarazioni di Barbara Lezzi, ministro per il Mezzogiorno, fanno presagire nuove battaglie sul progetto.

Anche se non è vero, come invece dichiara il ministro, che la TAP è direttamente partecipata da Gazprom, la presenza dei russi è palpabile.

Se dal punto di vista politico l’espresso faceva un quadro inquietante dell’intero progetto, da quello tecnico un rapporto dell’osservatorio dell’energia di Oxford concludeva che, visto il trend  di consumi del paese, all’Azerbaijan resterà ben poco gas da esportare e,nel medio termine, il gas inviato con il TAP sarà molto più russo che azero.

Con la posizione turca nei confronti dell’Europa tutt’altro che chiara, una sempre più marcata dipendenza energetica della Turchia dai russi e il tracciato turco del gasdotto, c’è il serio rischio di ritrovarsi nella medesima situazione nella quale l’Europa si ritrova ogni inverno, e cioè di dover riscaldare l’Ucraina per ricevere il gas russo.

Se poi, come conclude il rapporto, il gas russo sarà sempre il più competitivo, la diversificazione della fonti di approvvigionamento per l’italia, sbandierata con grande enfasi da tutti, risulta una colossale balla. Sempre Oxford, il corridoio sud del gas soddisferà per non più del 2% la domanda di gas europea.

Venendo meno la diversificazione delle fonti di approvvigionamento, e cioè una delle prerogative per la realizzazione del gasdotto, quali sarebbero quindi i reali vantaggi per l’Italia?

Prima di tutto non è scontato che il gas che arriverà con il TAP sarà bruciato in Italia.

Senza leggere i contratti non è possibile fare alcuna previsione e siccome i contratti, se ci sono, sono secretati in Svizzera, chi si pronuncia al riguardo fa solo illazioni. Snam peraltro partecipa al progetto per il 20% ed è auspicabile che ENI possa esercitare una pari opzione di  ritiro.

Per il resto, il gas potrà essere venduto dovunque e prova ne è che la stazione di misurazione  del gas in arrivo non sarà soggetta ad alcun controllo fiscale da parte dell’Agenzia delle Dogane italiana.

In sostanza, quindi, e non si sa a quali condizioni, abbiamo concesso ad una multinazionale svizzera una delle più belle spiagge del Salento, scartando l’ipotesi di deviare il gas alla centrale a carbone di Brindisi o all’acciaieria di Taranto, che ne avrebbero avuto davvero bisogno.

Il ministro Lezzi dovrà inoltre chiarire come “l’accordo a suo tempo concluso con questa  multinazionale si concretizzò violando alcuni principi. Anzitutto quello  della libera concorrenza, sancito da una direttiva europea”.

Sarà quindi interessante capire a quali condizioni é stato concesso (?) a TAP l’approdo sulla spiaggia di Santa Foca, quali erano le deroghe, se e quanto peserà sulle bollette degli italiani la costruzione dell’impianto di Meledugno  e della bretella Snam che, con un percorso di 60 km in mezzo agli olivi, collegherà Meledugno a Brindisi.

Sempre secondo Lezzi “grazie a questa deroga concessa a Tap, di costi minori per gli utenti potrebbero non essercene. Anzi Tap potrebbe remunerare il capitale che ha investito nella costruzione dell’opera, proprio gravando sulle bollette”.

In attesa dei chiarimenti, per il momento si può solamente dire che il gasdotto potrebbe contribuire alla sola sicurezza dell’approvvigionamento di gas, anche alla luce della prossima scadenza dei contratti con Russia e Algeria, del calo della produzione nel Mare del Nord e dei cronici problemi con il gasdotto libico.

E’ quindi prematuro  dire che il gasdotto aumenterà la concorrenza  abbassando il costo dell’energia per consumatori e imprese italiane mentre non è difficile immaginare che Gazprom potrà imporre la sua politica commerciale all’Europa, come ha già fatto con l’accordo per il raddoppio del gasdotto del Baltico con i tedeschi.

Addio all’hub italiano del gas

“Innanzitutto i nostri più grandi mercati come Germania, Francia e Italia”.

Sono per Gazprom i principali sbocchi del raddoppio del Nord Stream, il gasdotto russo-tedesco sotto il Baltico che assorbirà gli attuali transiti di gas attraverso l’Ucraina.

Concentrerà l’80% delle importazioni di gas russo in Germania su un’unica direttrice dando così a Gazprom una posizione dominante sul mercato tedesco.

Per ora nulla cambia: il gas russo continuerà a passare per l’Ucraina grazie alla garanzia europea sui pagamenti del gas russo usato dagli ucraini;se l’Europa non scalda gli ucraini il gas russo durante l’inverno non ci arriva.

La strategia dei russi, con l’accordo con i nordeuropei sul Nord Stream, é chiara.

Sotto embargo, hanno cancellato South Stream, contrattato e sospeso il Turkish Stream con i turchi, e confermato il raddoppio del Nord Stream con i russi, un gasdotto che già trasporta 55 miliardi di m3 gas direttamente in Germania, passando sotto il Baltico.

Con il raddoppio del Nord Stream i russi hanno anche concluso importanti scambi di assets con le principali società energetiche nordeuropee. È la dimostrazione che, per l’Europa, non ci saranno valide alternative al gas russo, che resterà sempre il più competitivo.

Dimostra anche che l’Italia molto difficilmente potrà diventare un hub del gas, come da Passera in poi, i governi volevano farci credere, proponendo opere del tutto inutili.

Le velleità degli americani di fornirci lo shale-gas, il mantenimento dell’embargo europeo a Mosca e la critica situazione siriana, che vede americani e russi su fronti opposti e gli europei in ordine sparso, ci hanno isolati anche dal punto di vista energetico.

Il nord Europa ha scelto il suo partner energetico e, se ne avremo bisogno, ci manderà il gas.

Il gas sarà russo

Russia waiting for US sanctions

L’amministrazione Obama ha sempre osteggiato il Nord Stream, il raddoppio del gasdotto russo-tedesco del Baltico. Il vice-presidente Biden dichiarava che il gasdotto avrebbe destabilizzato l’Ucraina: meglio cioè  che gli europei continuassero a scaldare gratis gli ucraini per essere certi di ricevere il gas russo.

Ogni inverno, quando fa freddo, l’Ucraina spilla il gas destinato all’Europa e noi dobbiamo pagare tutte le bollette ucraine per non restare al freddo.

L’arrivo di Trump, i suoi rapporti con Putin e la manutenzione straordinaria delle centrali nucleari francesi fanno intravedere la rivincita del gas russo: ci sarà cioè bisogno di gas e forse dovremo pagare il conto degli ucraini in anticipo.

Un rapporto dell’OIES di Oxford analizzava, già due anni fa, le alternative europee di approvvigionamento e criticava il fatto che si valutano sempre le opzioni europee e non quelle dei russi che, avendo il gas, sono molto più elastiche.

Il rapporto concludeva che la reciproca dipendenza presenta più vantaggi che svantaggi, anche perché l’Europa non è in grado di diversificare rapidamente le fonti energetiche.

Il rapporto indicava,al 2030, un fabbisogno aggiuntivo di 100/200 miliardi di m3/anno e un prezzo – 20 €/MWh – che i russi saranno sempre in grado di garantire.

Più o meno é il prezzo odierno.

La principale alternativa é il gas naturale liquefatto – GNL – il cui commercio globale annuo dovrebbe raddoppiare al 2030, arrivando a 700 miliardi di m3.

La disponibilità di GNL americano dipenderà, oltre che dall’effettiva volontà degli Stati Uniti ad esportarlo, dal prezzo e dalla domanda Cinese.

A due anni da quel rapporto, le novità sono infatti solo russe e tedesche:

  • deciso e ormai accettato da tutti il raddoppio del gasdotto russo tedesco;
  • consistenti scambi di pozzi russi contro reti di distribuzione e pozzi europei;
  • poche idee e confuse a sud: cancellazione del South Stream, che avrebbe portato direttamente il gas russo ai Balcani, attraverso il mar Nero tagliando fuori l’Ucraina; nel frigorifero il Turkish Stream, visto il riavvicinamento della Turchia all’Iran.

Trump eviterà lo  scoppio della bolla dello shale-gas americano, che molto difficilmente potrà essere esportato in Europa perché non potrà mai competere con quello russo.

Da noi ci sono ancora i buontemponi che vorrebbero farci credere che la rotta sud porterà vantaggi all’Italia; i Saggi del documento di strategia nazionale  pensavano di trasformare l’Italia in un hub del gas, trivellando un paese già martoriato dai terremoti.

Inarrivabili i tedeschi, che ci fanno mantenere l’embargo ai russi, facendoci nel frattempo ottimi affari ed affrancandosi con il gas.

L’Italia questa volta non poserà un ( neppure il ) tubo cosa di cui siamo capaci (Saipem).

Uncle Sam on Nord Stream 2

“Why would you support Ukraine with one hand and strangle it with the other” Deputy Assistant Secretary for Energy Diplomacy, Robin Dunnigan, told a conference of policymakers. “Cutting off all gas transit through Ukraine would deprive it of $2.2 billion in annual revenue”.

According to Dunningan,the Nord Stream 2 pipeline,born to boost Russian gas supplies to Germany, shell deprive Ukraine in transit fees and runs counter to the EU’s goal of reducing its energy reliance on Russia.

Russia’s Gazprom sends today 55 billion cubic meters per year to Germany, across the Baltic via the Nord Stream 1, and with the new project shall double this capacity. Gazprom sends also a large volume of gas to EU via Ukraine but is willing to bypass this route, via a new pipeline through Turkey.

Gazprom recently formed up a consortium with E.ON , BASF/Wintershall, OMV, ENGIE and Royal Dutch Shell for the Nord Stream-2 with a cost of 10 billion euros.

While the EU and USA have imposed sanctions on Russia, because of its annexation of Crimea and its support to the separatist rebels, energy ties between Moscow and Europe get stronger.Russia provides around one third of the EU’s energy needs.

According to Dunningan: “North Stream-2 actually threatens not only Ukraine’s survivability and their resources, but it is a risk to fuel diversification in Europe, especially southeastern Europe”.

Dunningan should not forget that the gas bill of Ukraine, for billions of dollars every year, is paid by Europe. The only way for Europe to guarantee the passage of the gas through Ukraine. Furthermore the american shale gas will not be competitive in Europe.

The gas war has just started and the winter shall roll the dices.

Business is businnes, apart from embargo

While media interest focuses on refugees, Gazprom has reduced its commitment on the Turkish Stream pipeline and moved to more reliable customers, Germany Northern Europe.

Recent the agreement for the doubling of Nord Stream, a pipeline that already carries gas directly to Germany, through the Baltic, with no transit risks. The goal is to increase the annual capacity from the current 55 billion cubic meters to 110.

This is an evidence that, for Europe, there will not be so many alternatives to the Russian gas which will always appear as the most competitive.

It is also an evidence that Italy shall never become a gas hub, as the italian governments led to believe, by imposing useless works. Algerian and Libian pipelines are in trouble, Turkish Stream shall connect Russia to Turkey and from there to Balkans and the Tap from Greece is still to be defined. Small chances for the american shale being competitive, once it will be available.

Assets exchange, with the German BASF, will allow Gazprom to take control of a major share of the distribution system and gas storage in central Europe, as well as shares in oil fields in the North Sea.

Similar swap transactions are envisaged for Austrian OMV and with Dutch Shell.

Gazprom will fully control Wingas, which distributes gas in the central Europe and has storage facilities in Austria and Germany. In addition to other distribution companies, Gazprom will acquire 50% of Winz, active in extracting offshore in the Netherlands, Denmark and Britain. In return, Gazprom will sell units of two blocks of rich siberian Urengoy field.

On one hand Europe must maintain the embargo to Moscow,as imposed by Brussels, on the other hand Germany and northern Europe are doing excellent business ensuring themselves the supply of gas, which in case will be addressed to south.

When the MOU of Nord Stream doubling was signed, Brussels officially deemed it as “superfluous”.

Lo stoccaggio del gas

Solitamente in febbraio fa freddo e i prelievi di gas dagli stoccaggi s’impennano.

In questi giorni vengono mediamente prelevati dagli stoccaggi 150 milioni di m3 al giorno, il doppio di quanto veniva prelevato a fine dicembre, quando il Ministero dichiarò lo stato di allerta.

Nel febbraio del 2012 faceva molto freddo e Scaroni, a quel tempo AD di ENI, informò il Governo Monti, che il gas sarebbe finito nel giro di un paio di giorni, perché si consumavano 440 milioni di m3 al giorno, dei quali 160 prelevati dagli stoccaggi, cioè come oggi.

Anche allora arrivava meno gas dalla Russia e le misure prese dal Governo furono devastanti per le bollette elettriche perché, in emergenza, vennero riaccese le vecchie e inefficienti centrali a olio combustibile e poi, sempre con i soldi delle bollette, mantenute pronte a funzionare per mesi.

Venne anche tolto gas alle utenze interrompibili, con danni economici per le industrie e tutto perché, negli stoccaggi, c’era molto meno gas di quanto ci sarebbe dovuto essere, in previsione dell’annunciato freddo di febbraio, come in questi giorni.

Massimo Mucchetti, oggi Senatore della Repubblica, scrisse un pruriginoso articolo sul Corriere della Sera e il vice-ministro era lo stesso di oggi.

In base ai dati odierni di Gas Storage Europe, la capacità degli stoccaggi è scesa a 10,48 miliardi di mc e speriamo che questa vota sia vero. Cala quindi la produzione nazionale ma calano anche le importazioni,  a circa 160 milioni di metri cubi al giorno.

Non ci resta quindi che sperare che gli stoccaggi siano questa volta reali e che i russi non diminuiscano le forniture, che pesano per circa un quarto del totale, perché resteremmo irrimediabilmente al freddo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: