Perché non leggono i contatori

Le bollette del gas addebitano consumi stimati perché, nonostante il consumatore paghi il servizio di misurazione, i distributori non mandano più nessuno a leggere i contatori, il dato teletrasmesso si perde o le batterie si scaricano molto prima di quanto dovrebbero.

Se facciamo l’auto-lettura, come ha la faccia tosta di chiederci, e comunichiamo i dati al nostro fornitore, il distributore la deve “validare“.

Ci può mettere mesi per farlo e, nel frattempo, il fornitore continua a fatturare acconti stimati, che sono sempre maggiori di quelli reali.

Quando invece gli acconti sono inferiori al consumato, dopo mesi o magari anni, arriva il bollettone di conguaglio.

Ci dicono di aver tentato di leggere il contatore ma non c’era nessuno in casa. Elencano i tentativi di lettura, molti dei quali sarebbero stati fatti in date improbabili, che comunque non riusciamo più a verificare né a ricostruire e contestare.

Quando invece cambiamo il fornitore é il delirio: il nuovo fornitore chiede al distributore di andare a leggere il contatore, attività che svolge con grande calma e così passano mesi prima che arrivino le bollette, sia del vecchio che del nuovo fornitore.

Quelle del fornitore subentrante sono tutti acconti, basati sul nulla.

I contratti impongono al distributore di leggere il contatore a precise scadenze, ma l’Autorità prevede anche il tentativo di lettura e così i distributori ci marciano.

Sarebbe bastato limitare il numero delle bollette di acconto a una all’anno ma era troppo facile e i distributori non farebbero i trionfali utili che fanno: incassano cioè un corrispettivo a fronte di un servizio inesistente.

Numerosi lettori denunciano che il dato dell’auto-lettura non viene preso in considerazione, a conferma che il sistema non funziona.

Le bollette di conguaglio arrivano comunque entro cinque anni, cioè prima di venire prescritte e possono riguardare consumi di anni ancora precedenti.

Ora la prescrizione è di due anni ma il meccanismo non è ancora rodato.

La domande sono: perchè i fornitori attendono anni per fatturare, anche ingenti partite di gas che restano in sospensione di accise e imposte a danno dello Stato?

Perchè partite economiche così rilevanti sono richieste dopo anni? 

Come vengono fatti i bilanci?

Quanti soldi girano nel mondo del gas?

Per questo il gas é così caro?

 

Mercato libero: qualche precauzione

Fra un anno finirà il mercato tutelato e,dicono, tutto sarà più libero e conveniente.

Attualmente il mercato libero dell’energia elettrica è concentrato su cinque operatori che si dividono  il 90% dei clienti domestici: Enel, in posizione dominante, Eni, Acea, Edison e A2A.

Il mercato del gas vede Eni, Edison ed Enel che controllano il 46% del totale che con Gdf Suez, E.On e Iren, raggiungendo il 58% del totale.

Il tempo per preparare gli utenti ci sarebbe, come insegnano in Inghilterra e invece da noi finirà male: a breve si aprirà la caccia al pollo, che non sa neppure quanto consuma, che sarà asfissiato con proposte che non sarà in grado di capire.

Quelli che sono già passati al mercato libero, pagano di più.

Per poter valutare le offerte é essenziale sapere quanto si consuma, oltre a quanto si spende, ma non é semplice.

Le letture indicate in bolletta sono infatti sempre stimate o sono in ritardo.

Attenzione a non comunicare i numeri di POD o di PDR  che identificano le vostre utenze.

Se per caso non ricevete le bollette, preoccupatevi perché potrebbero avervele sottratte dalla buca della posta proprio per carpirli e millantare la vostra accettazione di un contratto inesistente.

Si presenteranno poi, porta a porta, con scuse varie: “mi faccia vedere il contatore…..che vecchio!  Glielo cambiamo noi domani gratis, ma adesso mi faccia vedere una bolletta così facciamo quattro conti…”

Vi prometteranno un risparmio di 2 €/MWh consumato nell’anno ma se non sapete quanto consumate non sapete che ne consumate meno di due.

Vi offriranno lampadine a basso consumo, inutili polizze assicurative, tessere del cinema o di carburanti, carte fedeltà e punti da convertire in buoni spesa, buoni sconto per acquisto di elettrodomestici, condizionatori, occhiali e altri gadgets.

Cose che con l’energia c’entrano ben poco.

Non vi renderete conto che la disdetta anticipata del contratto comporta il pagamento di penali o che  i contratti che vi proporranno non sono più contratti di semplice fornitura, ma veri contratti di servizi che prevedono l’acquisto di beni, come già succede con i telefoni.

Ci saranno utenti che, dopo aver cambiato fornitore, riceveranno, per mesi, bollette doppie per lo stesso consumo; dovranno pagare due volte e chiedere il rimborso, dopo giorni passati a imprecare con i call-center.

Ci saranno altri che si troveranno un nuovo fornitore, senza averlo mai chiesto, con tanto di oneri a loro carico.

Le vostre registrazioni telefoniche verranno modificate, come nel caso di segnalato da un lettore del blog “Buongiorno, parlo con il titolare della linea?…… ah è suo marito e rincasa questa sera ? …… beh non importa, quando registriamo, per favore, cerchi di imitare la voce di suo marito!”

Parleranno con gli anziani, che sono sempre a casa, e registreranno loro.

Vi diranno “se passa con noi non pagherà più la tassa di concessione governativa”, che esiste solo per la telefonia mobile.

Molti riceveranno contratti già sottoscritti con la loro firma falsa.

Chi ha avuto esperienze simili è qui il benvenuto, e chi non le ha avute, si prepari!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: