Affari segreti pagati dalle bollette

Una delibera dell’Autorità ci spiega come si fa.

Una centrale elettrica viene dichiarata essenziale e, come tale, viene incentivata dalle nostre bollette.

L’ammontare degli incentivi peró non viene reso pubblico perché è un dato sensibile!

Succede spesso che i dati non vengano pubblicati: qualcuno decide quanto e noi paghiamo al buio.

Poi ci si sorprende se gli “oneri di sistema” che paghiamo con le bollette siano esplosi, come dichiara Bortoni ogni anno, firmando le delibere e secretandone i dati.

Sarebbe corretto sapere prima, quanto e come dovremo pagare, ma la nostra Autorità per l’energia non brilla certo per trasparenza.

Sono omologati i contatori del gas?

15027746_117283345418480_4088606324023310907_n

Se il MISE, interpellato alla Camera, definisce la legislazione “lacunosa” per i contatori di energia elettrica, per quelli del gas la situazione è simile.

L’Autorità per l’energia impone ai distributori del gas la sostituzione di 20 milioni di contatori che, come per gli elettrici, potranno essere letti e gestiti da remoto. 

La sostituzione è a carico degli utenti, che pagheranno, a rate per anni, il contatore con le bollette.

Sarebbe bastato imporre ai distributori di leggere sistematicamente i contatori ma era troppo semplice e poco costoso! 

Meglio invece caricare le bollette, visto che già paghiamo il gas più caro d’Europa!

I nuovi contatori del gas saranno strumenti omologati da notify bodies europei, fabbricati e provati in accordo alla direttiva europea  MID; la correttezza della misurazione sará certificata dallo stesso fabbricante.

Ma non è sufficiente che i contatori siano omologati.

La direttiva MID determina esclusivamente il criteri d’immissione sul mercato dei contatori ma non definisce il sistema di misura” del quale lo strumento sarà parte integrante e con il quale interagirà.

In Italia il sistema di misura non è mai stato definito, il tema compete alla metrologia legale della quale l’unico responsabile é il Ministero dello Sviluppo Economico e non l’Autorità per l’Energia alla quale si appellano tutti erroneamente.

Quindi non solo il contatore, ma é l’intero sistema di misura a dover essere legalizzato per assicurare che non ci siano interferenze sulla trasmissione del dato di consumo. 

Non legalizzando il sistema, si ricade nella stessa situazione dei contatori di energia elettrica, gestiti da remoto senza che nessuno controlli.

Addebitare il consumo in base a un dato teletrasmesso é diverso dal farlo in base a quanto indicato dal contatore e la legge non lo ammette.

In caso di contestazione, il distributore deve dimostrare il corretto funzionamento dello strumento e spetta al fornitore del gas, dimostrare al cliente la rispondenza di quanto fornito con quanto indicato dal contatore.

La direttiva MID stabilisce inequivocabilmente che “è il dato generato del contatore l’unico valido per la transazione”, indipendentemente da come venga poi gestito.

Misurare gas non è un’operazione semplice e fino ad ora si è ricorsi ad alchimie come quella di utilizzare unità di misura illegali.

Non sembra che, con il nuovo contatore, le cose miglioreranno. Così ci hanno già installato in casa milioni di contatori intelligenti per l’energia elettrica, senza dirci cos’erano, per quelli del gas abbiamo tempo per informarci e non farci fregare di nuovo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: