Se questo é un regolatore

Vale solo quello che leggete sul contatore!

Definizione di sinallagma: nel legame, nel nesso di reciprocità che unisce una prestazione all’altra per quanto riguarda alcune categorie di contratti.

Il contratto di fornitura di energia elettrica, o di gas naturale, è un tipico contratto “a misura” cioè il corrispettivo viene addebitato in base al dato di consumo letto sul contatore.

Per ARERA – regolatore del mercato elettrico a valle della creazione del dato di consumo – sembra non sia così come si evince dal caso che la stessa Arera menziona a pag. 370 del secondo volume della sua relazione annuale.

Oltretutto, ARERA interviene su un tema che non è di sua competenza e cioè la metrologia legale, che compete esclusivamente al MISE – Ministero dello Sviluppo Economico.

“Con la delibera 3 dicembre 2019, 498/2019/E/eel, “Decisione del reclamo presentato da Fontel S.p.A. nei confronti di e-distribuzione S.p.A.”, l’Autorità ha rilevato che l’impresa distributrice deve garantire la corretta installazione e manutenzione degli apparecchi di misura e il corretto valore delle misure messe a disposizione degli aventi diritto; pertanto, costituisce inadempimento ai suddetti obblighi l’applicazione di una errata costante di lettura K ai prelievi rilevati dal misuratore”.

Una delle voci di costo delle bollette è proprio la “gestione del contatore”, che i distributori incassano proprio per misurare e quindi, se il contatore non misura correttamente, se è difettoso o se é impostato male, ne devono rispondere i distributori e, se sulla base di misurazioni errate, il fornitore incassa il non dovuto, l’utente non solo non dovrebbe pagare il non dovuto ma neppure il servizioo di misurazione, che fa parte della voce “gestione del contatore”. e il corrispettivo non dovrebbe essere pagato.

Ma per Arera non è così:

“Tuttavia, siffatto errore non inficia, sotto il profilo regolatorio, la correttezza della ricostruzione dei consumi derivante dalla giusta applicazione della costante di lettura; ciò in quanto l’errore non è dipeso dal malfunzionamento del misuratore, bensì da un’errata moltiplicazione delle letture da parte del sistema informatico del gestore.

La “costante di lettura” non fa parte di alcun documento contrattuale mentre la legge è cristallina: il dato fide-facente la transazione è quello indicato sul contatore, quello che viene letto dal consumatore, e non quello che viene moltiplicato per coefficienti ignoti o costanti di lettura.

Coefficienti e costanti ignoti al consumatore alla firma del contratto.

Secondo Arera, “tale errore ha comportato una mera attività di ricalcolo dei consumi realmente prelevati dal misuratore, riflettendo così il carattere sinallagmatico delle obbligazioni contrattuali in atto“.

Affermare che non ci sia nulla da eccepire “sotto il profilo regolatorio” è del tutto gratuito, come è inutile che un consumatore, alle prese con questo problema, debba tentare di “conciliare” alla presenza di Arera.

Autore: edoardobeltrame

“Ho scoperto il modo di ingannare i diplomatici. Io dico la verità, e loro non mi credono mai.” (C.B.C)

1 commento su “Se questo é un regolatore”

  1. Egr. Ing. Beltrame,
    ho riletto più volte la delibera n° 498/209/E del 3 dicembre 2019 con la quale ARERA – Autorità per la regolazione del Mercato elettrico – acclara come il distributore di energia elettrica

    “deve garantire la corretta installazione e manutenzione degli apparecchi di misura ed il corretto valore delle misure messe a disposizione degli aventi diritto”

    .

    Tanto per chiarire, …la corretta installazione, manutenzione e correttezza dei risultati di misura, sono OBBLIGAZIONI che derivano dalla legge vigente: ovvero sono doveri che scaturiscono direttamente dal fatto che il Distributore di energia elettrica, ai sensi del D.M. 21 aprile 2017, n° 93 del Ministero dello Sviluppo Economico , ha individuato – art.2, comma 1, sub g) – come titolare del contatore, il proprietario del medesimo o chi ne ha la responsabilità di misura.

    Ai sensi del successivo art.8, i distributori di energia elettrica sono OBBLIGATI a curare e garantire il “corretto funzionamento” dei loro strumenti in quanto proprietari del contatore.

    ARERA afferma:

    “costituisce inadempimento ai suddetti obblighi l’applicazione di una errata costante di lettura K ai prelievi rilevati dal misuratore”.

    Ciò costituisce elemento di responsabilità contrattuale e non, a carico del Distributore: l’inadempimento è pertanto fonte del diritto al risarcimento del danno provocato dallo stesso all’Impresa Fontel SpA. Ciò deriva strettamente dalla legge – e non solo dal contratto -: segnatamente per la formulazione di cui agli artt. 2043 e seguenti del Codice Civile.

    Ciò premesso, è fonte di di perplessità, se non d’ilarità, l’affermazione di ARERA, secondo la quale;

    “Tuttavia, siffatto errore non inficia, sotto il profilo regolatorio, la correttezza della ricostruzione dei consumi derivante dalla giusta applicazione della costante di lettura; ciò in quanto l’errore non è dipeso dal malfunzionamento del misuratore, bensì da un’errata moltiplicazione delle letture da parte del sistema informatico del gestore”.

    E’ appena il caso di richiamare l’attenzione del lettore che il gestore è il Distributore.

    ARERA dimentica uno dei principi generali dell’ordinamento giuridico in tema di responsabilità da fatto dannoso, declinato dal già citato art. 2043 del Codice Civile. Tale principio può essere esposto così: la causa della causa è causa del causato. Ovvero se A spinge B, e B a causa di detta spinta rovina su C, il danno patito da C deve essere risarcito da A.

    ARERA dimentica inoltre la formulazione del Legislatore Comunitario allorquando, nella Direttiva 2004/22/CE, all’art.10.5 dell’Allegato I – Requisiti essenziali -, afferma:

    “A prescindere dal fatto che sia possibile o meno leggere a distanza uno strumento di misura destinato alla misurazione di servizi forniti da imprese di pubblica utilità, esso deve comunque essere dotato di un visualizzatore metrologicamente controllato facilmente accessibile al consumatore senza alcun ausilio. La lettura di tale visualizzatore è il risultato della misurazione che costituisce la base su cui è calcolato il prezzo da corrispondere”.

    L’ultimo periodo non ha bisogno di essere interpretato in ragione anche del “in claris, non fit interpretatio”: ovvero laddove la formulazione (della norma) è chiara non trova luogo alcuna interpretazione.

    E’ appena il caso di confermare che ARERA non ha competenza su questioni che attengono alla Metrologia legale: pertanto in un’ottica di saggia amministrazione, in questioni del genere, a mio avviso, dovrebbe correlarsi al MISE che ha la competenza esclusiva in materia.

    Cav. Claudio Capozza
    ex Capo del Servizio ispettivo “Verifiche metriche e Vigilanza della CCIAA di MIlano” .

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: