Inarrivabili a Bruxelles

La Commissione europea ha deferito la Spagna alla Corte di giustizia dell’UE per non aver garantito il rispetto delle prescrizioni relative alla misurazione individuale nei condomini e negli edifici polifunzionali, stabilite dalla direttiva sull’efficienza energetica(direttiva 2012/27/UE).

La direttiva prevede l’installazione di misuratori individuali per il riscaldamento, il raffreddamento e l’acqua calda per uso domestico in tutti i condomìni e gli edifici polifunzionali in cui tali servizi sono forniti agli occupanti da un impianto centralizzato.

La prescrizione si applica, se tecnicamente possibile ed efficiente in termini di costi, a tutti gli edifici esistenti mentre le misure nazionali di recepimento adottate dalla Spagna la impongono solo per gli edifici costruiti dopo il 2007.

Negli edifici in cui i misuratori di energia termica non rappresentano una soluzione tecnicamente possibile, o efficiente in termini di costo per il riscaldamento d’ambiente, su ciascun radiatore  vengono installati, i c.d. ripartitori che non sono strumenti di misura omologati dalla Direttiva MID e non sono quindi strumenti legali.

Quindi le due direttive contrastano, ma a Bruxelles stanno pensando all’elezioni.