L’ultimo spenga la luce

La componente A3 é la voce dominante degli oneri di sistema delle bollette, che, nel 2016, ci sono costavano 16,5 miliardi di euro.

Qui il dettaglio.

Ogni anno questa immensa quantità di denaro finisce prevalentemente nelle tasche di chi produce energia rinnovabile, in particolare fotovoltaica , in forza a una serie di decreti – conti energia – il primo dei quali risale al 2005 e ha una durata di vent’anni.

I conti energia si basavano sull’ipotesi, rivelatasi poi clamorosamente errata, che il consumo di energia elettrica sarebbe aumentato costantemente negli anni.

Se ne accorse il governo Monti che, nel 2012, pose un limite annuo all’incentivazione di nuovi impianti, ma era ormai troppo tardi.

Anche senza incentivi, sono sempre più numerosi quelli che si staccano dalla rete auto-producendosi l’energia.

Ma è evidente che, più saranno quelli che si staccano, e più aumenterà  la quota A3 per gli altri, quelli che continueranno ad acquistarla dalla rete.

Nessun governo riesce, o vuole affrontare il problema:il governo Renzi spalmò gli incentivi su un periodo più lungo senza alcun risultato concreto per i consumatori ma una serie di cause da parte degli operatori stranieri che qui in Italia, paese del sole, fanno una montagna di soldi che si portano via esentasse.

La situazione è destinata a peggiorare specialmente per gli utenti consumano meno.

Stessa cosa per il gas naturale: utilizzarlo solamente per cucinare, o anche solo per scaldare l’acqua calda sanitaria, costa quattro volte tanto.

La parte fissa della bolletta, per i consumi più bassi, sta diventando sempre più pesante e il costo dei nuovi contatori, di luce e gas, che ci stanno sostituendo peggiorerà la situazione.

Tanto per fare un esempio, una seconda casa, in assenza di consumo, addebita trenta euro al mese di bolletta elettrica.

 

7 pensieri su “L’ultimo spenga la luce

  1. edoardo, ma che dici, il metano per uso da cucina è defiscalizzato e con iva 10% per i primi 500 e rotti metri cubi, costa la metà, non il doppio

    PS: dei 16 miliardi “solo” 6,7 sono dovuti al conto energia fotovoltaico, poi ce ne sono 5,5 per le altre rinnovabili elettriche, 1 circa per il cip6 e altri mille rivoletti che finanziano un po’ di tutto

    "Mi piace"

  2. Dott. Beltrame
    In questo guazzabuglio che permette alle società di emettere fatture poco chiare ma soprattutto che vanno a favore delle stesse sotto l’egida del Garante è ci fa capire che il cittadino è continuamente vessato e non c’è autorità che tenga che abbia il coraggio di tutelarlo.
    Quello che mi sorprende nelle fatture sono gli oneri di sistema che dovrebbero non solo essere diversificati ma soprattutto capire dove vanno a finire per sapere se effettivamente quanto richiesto viene investito nei campi prefissati.
    Invece no: nella fattura si fa una bella zuppa nella quale il cliente non sa che cosa paga e quello che paga è finalizzato alle voci che costituiscono gli oneri di sistema.
    Quando faccio la spesa, se chiedo un Kilo di patate so che dovrò sborsare una certa cifra.
    Nel campo dell’energia, non solo, non vale lo stesso principio per cui a fronte di un certo consumo, che andrebbe verificato, sono costretto a pagare degli oneri supplementari che sono scollegati rispetto al consumo e di cui soprattutto non conosco le finalità e come sono ripartiti.
    Come detto è una bellissima truffa ai danni dei cittadini, vedi quella dei contatori, che si protrae da molto tempo cui le autorità preposte non vogliono mettere una pezza.
    Ma questo fa parte della logica per cui il cittadino deve essere vessato e quando non paga, perché non riesce a pagare, arrivano le lettere di ingiunzione.
    E’ un po’ il comportamento di colui che presta i soldi e, quando non riesce ad ottenerli utilizza, metodi coercitivi.
    Penso che se i politici italiani non cambiano passo, il nostro paese è atteso da un futuro molto incerto considerando che già adesso tutti i trionfalismi di certi politici stanno andando a scatafascio.
    Un saluto nella speranza che i cittadini comincino ad aprire gli occhi e si facciano guidare da gente competente e non da affaristi da quattro soldi..

    Roma 20/02/2016 Giuseppe Costantini

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.