La caccia al pollo

Scegliere tra mercato libero e tutelato

Ennesima proroga del mercato tutelato.

A dieci anni dalla nascita del mercato libero, metà degli utenti preferisce ancora essere tutelata perché non ha alcuna idea di quanto consuma, a malapena sa quanto spende, e in caso contrario firmerebbe contratti difficili da capire e quindi estremamente pericolosi.

Di fronte a scelte di questo tipo il consumatore italiano é pigro: non legge i contatori, non verifica le bollette e l’aggettivo “tutelato” lo affascina!

Se l’anno scorso avesse scelto il mercato libero, e un prezzo fisso, avrebbe fatto bingo ma il contratto sarebbe scaduto e adesso sarebbe punto e a capo.

Il mercato tutelato invece é lì, fermo come un semaforo, costa di più? costa di meno? Perché cambiare?

D’altro canto più di mille fornitori di mercato libero, tra luce e gas, sono troppi, non tutti sono corretti, non esiste un albo e il contratto non risponde a nulla se non al codice civile. Se non lo leggete riga a riga sai le sorprese!

Alcuni fornitori sono molto più aggressivi che professionali, specialmente con i consumatori più deboli!

Dopo avervi asfissiato al telefono, verranno di persona chiedendovi di poter esaminare insieme una bolletta:“con noi risparmierà, firmi qua…. non la sto truffando… avrà tempo per pensarci e, se cambierà idea, quando le telefoneranno, potrà dire di no”.

Il pollo firma senza leggere e, quando gli telefonano, si è già dimenticato tutto, dovrebbe dire di no ma si vergogna e risponde con una serie di si alla cieca!

Magari la prima telefonata l’ha ricevuta il nonno e nessuno ne sa nulla.

Comunque tutti i metodi per fregarlo sono buoni.

Chi propone al pollo “uno sconto del 20% sui primi 200 kWh consumati nel mese”.

Il pollo non si chiede neppure quanti kWh consuma né rispetto a quale prezzo si basa lo sconto L’idea dello sconto lo affascina e firma, firma e firma moduli, tanti.

Magari non si rende conto di firmare anche una polizza assicurativa, che non copre nulla e serve solo al cacciatore di polli per rifarsi dello sconto offerto. Ma lui firma!

Solo dopo, il pollo scopre che spende il doppio di prima perché consuma più dei kWh scontati e i kWh eccedenti li paga a un prezzo da capogiro.

Poi ci sono i cacciatori di polli che raccontano la favola dell’energia verde al 100% senza avvisare il pollo che già paga l’energia verde con gli oneri di sistema.

I cacciatori più creativi propongono lo sconto del 100% sulla quota energia del primo mese: basterebbero quattro conti per capire che lo sconto equivale a due caffè e che non giustifica il cambio di fornitore, ma il pollo gode all’idea del 100% di sconto sul nulla e firma.

In TV lo sconto è di 50€: non dicono su cosa, ma i polli saranno milioni.

Preparatevi per tempo oppure credete ai sondaggi di Nomisma Energia, secondo i quali solo sei consumatori su cento dichiarano di non capire nulla!

Auguri!

Autore: edoardobeltrame

“Ho scoperto il modo di ingannare i diplomatici. Io dico la verità, e loro non mi credono mai.” (C.B.C)

2 pensieri riguardo “La caccia al pollo”

  1. sono ladri legalizzati,il cliente che paga non conta niente.offendono la costituzione ogni momento,icittadini piu illuminati dovranno denunciare,combattere questo ennesimo soppruso.

    "Mi piace"

  2. Egr. dott. Beltrame
    in questo articolo è evidenziato la falsa pubblicità fatta dalle varie società, soprattutto quelle maggiori, dove l’unico dato fornito è quello relativo al consumo, e questo deve essere considerato un comportamento scorretto in quanto nelle fatture compaiono voci che sono scoperte solo quando sono recapitate.
    Non solo oltre voci aggiuntive è sì specificata la voce cui sono addebitate ma, al cliente che le legge risultano dati inesplicabili.
    D’altra parte l’Autorità per l’energia ed il gas non è che faccia molto per cercare rendere più leggibile ma soprattutto interpretabile la fattura ma leggendo il glossario sul suo sito ci si rende conto che è la prima responsabile della difficoltà, da parte del cliente, di poter interpretare oggettivamente i dati della fattura stessa.
    Quello che mi sorprende,non più di tanto,è il fatto che, dal 2016, sarà soppresso il mercato a maggior tutela; allora sì che saranno botte da orbi.
    Ecco perché in questo periodo le varie società stanno facendo campagna elettorale, come dice Lei, porta a porta, per accappararsi il maggior numero di clienti.
    Penso che dal 2016 le varie società si faranno una bella risata a scapito dei clienti che saranno costretti a pagare fatture più pesanti.
    Rimando ad un articolo successivo la questione della sostituzione dei contatori: ho ricevuto una risposta da parte del Garante che mi ha lasciato di stucco: non sono tenuto a presenziare alla sua sostituzione e non sono obbligato a conoscere il dato dell’ultima lettura personalmente.

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: