Contatori e calamite

Che un magnete possa influenzare il funzionamento di un contatore vale solamente per i contatori elettrodinamici.

Sono quelli con la rotellina che gira da più di mezzo secolo, autentici pezzi da museo che comunque sono ancora utilizzati come strumenti di misura. Una forte campo magnetico può rallentarne la rotazione e quindi far segnare meno il contatore.

Ma che un magnete possa influenzare il funzionamento dei nuovi contatori elettronici, installati dai primi anni 2000, è ormai una leggenda metropolitana.

Così, quando vicino ad contatore elettronico, il distributore rinviene un magnete, lo rimuove e, senza alcun titolo, stabilisce che è un “corpo di reato”; denuncia il consumatore per truffa, e procede ad un approssimativo e unilaterale ricalcolo del consumo.

Due casi sono passati in giudicato stabilendo che il magnete non influenza il funzionamento del contatore

Il primo procedimento penale si conclude a favore del consumatore ma il giudice non rileva il fatto che un laboratorio autorizzato, scelto proprio dal distributore,  non possa neppure provare il contatore. Tolto dalla rete, infatti, il contatore si spegne e non può essere provato. Il contatore può funzionare solamente se resta collegato alla rete che lo gestisce da remoto, cosa che invece la legge espressamente vieta.

In sostanza, il distributore, che è proprietario del contatore, non permette di verificarlo in contradditorio, ledendo i diritti del consumatore.

Il procedimento penale si estingue perché “il fatto non sussiste” ma l’utente dovrà recuperare, in sede civile, 17.000 € che ha già pagato.

Un secondo caso ha richiesto quattro anni per giungere al sentenza: non c’è stata alcuna truffa.

Sorprendente il fatto che  il distributore si sia rifiutato di mettere a disposizione del giudice il contatore e il magnete per ulteriori prove meteorologiche.

Le conseguenze delle sentenze sono:

  • un contatore, se omologato “stand alone”– cioè senza alcun sistema che lo gestisce da remoto – deve poter essere provato in contradditorio “stand alone”;
  • se il contatore è stato progettato, e omologato per essere immune a campi magnetici, un magnete non può modificarne le caratteristiche metrologiche.

Il video del prof. Ferrero del Politecnico di Milano chiarisce ulteriormente la faccenda.

Un pensiero su “Contatori e calamite

  1. Egr. Ing. Edoardo Beltrame,

    le norme per l’omologazione degli strumenti di misura di tipo elettronico prevedono che, in fase di approvazione, il laboratorio – notify body – che esegue le prove sul prototipo deve accertare che lo strumento di misura sia insensibile all’azione di campi magnetici.

    In altre parole se si avvicina un magnete ad un contatore elettrico di tipo statico, come quelli attualmente in uso nelle civili abitazioni, il contatore non dovrebbe risentire dell’azione del magnete.

    Se, e bisognerebbe dimostrarlo con procedimenti legali, il magnete riuscisse ad influenzare il contatore, allora quella diverrebbe la prova “provata” che quel contatore non possiede i requisiti richiesti dalle norme per le quali è stato omologato.

    Quanto poi alla Sua parte relativa all’esecuzione delle prove in “laboratorio” ed in condizioni “stand alone”, mi permetta di osservare quanto segue.

    Un principio generale del ns. Ordinamento giuridico in campo penale, prescrive che in sede di accertamento circa i requisiti di uno strumento di misura, devono essere impiegati strumenti e metodologie di prova legali, a pena di nullità della prove stesse.

    Bene, vero è che l’omologazione riguarda lo strumento “stand alone” e quindi dovrebbe essere così sottoposte alle procedure di prova. Se però ci si riferisce a quanto prescritto dal D.M. 21.4.2017, n.93, l’attività di vigilanza – definita all’art. 2, comma 1, sub e) – è effettuata anche nei luoghi dove gli strumenti sono stati messi in servizio, ovvero sul posto di funzionamento e nelle reali condizioni di esercizio. [cfr. art. 6, comma (e del D.M. 93/2017].

    La stessa scheda F – Contatori di Energia elettrica attiva -, di cui al D.M. 93/2017 prevede tutta una serie di controlli tipizzati che si riferiscono alla valutazione dello strumento in servizio; ciò costituisce un’ulteriore conferma della possibilità, mi correggo, della necessità che le prove sul contatore debbano essere svolte sul posto di funzionamento, ovvero nelle condizioni reali d’ esercizio del contatore medesimo.

    Con i migliori saluti

    Claudio Capozza

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.