Il virus delle bollette

In pieno lock-down, e con le industrie ferme, i signori dell’energia annunciano, come ogni anno, risultati trionfali.

Su tutti Terna, che gestisce così la rete elettrica nazionale.

Poi Enel, Snam, le ex-municipalizzate etc.

Felici i ministeri, che le controllano, e le scremano per conto dello Stato, felici i managers, che intascano bonus immeritati, e felici anche i cinesi, ai quali é stata venduta parte dell’argenteria.

Argenteria, pagata con le bollette di generazioni, che viene venduta come in un bazar.

I consumatori non reagiscono, sono immuni ai virus che si nascondono proprio nelle bollette, virus incontrollati per i quali non c’è alcun vaccino.

Per la banda che gestisce i servizi essenziali, le bollette rappresentano una garanzia perché l’italiano le paga e se, con luce e gas, gli fanno pagare altro – gli oneri di sistema – che con luce e gas non c’entrano nulla, non se ne fa una ragione, “tanto non cambia nulla”.

Anche le PMI, chiuse durante il lock-down, dovranno pagare il 70% della bolletta di quando consumavano prima.

Tutti quei soldi serviranno a mantenere un sistema, tronfio e autoreferenziale, che non sa come nascondere gli utili, mentre c’è gente che non sa come arrivare a fine mese.

La morosità aumenta e il governo dovrebbe affrontare il problema degli oneri di sistema: 18 miliardi prelevati ogni anno con le bollette.

E invece stanzia 600 milioni di euro per Alitalia, come aveva fatto già l’anno scorso, con risultati facilmente prevedibili.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.