La socializzazione delle perdite

I debiti dei venditori di energia elettrica vengono pagati da tutti i consumatori.

Erano 500 milioni per  Gala, che poi è fallita, e sono 156 ora per Green Network, che ne deve il doppio a Enel.

I consumatori annullano il rischio d’impresa, una garanzia per quelle società che, nate dal nulla, ci telefonano ogni sera e spendono e spandono con martellanti campagne pubblicitarie.

Sanno che i consumatori copriranno i loro debiti e operano in un mercato controllato dall’incombente che deciderà chi può vivere o deve morire.

L’incombente è talmente potente da concludere accordi transattivi con i soldi dei consumatori. 

E chi gli ha dato questa facoltà? Ovviamente il regolatore, il cui bilancio dipende per un quarto proprio dall’incombente.

I soldi li abbiamo già tirati fuori: sono già nelle casse della CSEA – Cassa Servizi Energetici e Ambientali.

Verranno girati all’incombente, come già fatto per Alcoa, Ilva, Alitalia e gli altri compagni di merende.

Ecco perché sono più di 500 le società di vendita, nate dal nulla e senza alcuna regola, destinate a chiudere lasciando debiti che tanto saranno pagati dai consumatori.

Il mercato finirà a non più di una trentina di società di vendita che potranno finalmente controllarne il prezzo.

Trionfale, invece, il cammino dei distributori e, in particolare, di quello di proprietà dell’incumbent che distribuisce e misura, più o meno, tutta l’energia elettrica nazionale.

Come Dio, è lui che incassa, in prima battuta, i soldi e decide chi deve fallire e con chi invece transare: Green Network è grande e in futuro potrebbe, tornare utile!

Se si possono scaricare i debiti dei privati sui consumatori sarà una passeggiata socializzare gli oneri di sistema,per 18 miliardi all’anno

Nelle casse della CSEA ci sono sempre un paio di miliardi pronti per le emergenze,come per Alitalia. 

Anche quelli sono soldi nostri, pagati perché avrebbero dovuto darci dei benefici.

Ma sfido chiunque a dimostrare i benefici economici dell’energia rinnovabile per i consumatori. 

E adesso, che il valore degli oneri si avvicina alla metà del valore totale della bolletta, e la morosità aumenta, ecco la resa dei conti!

Secondo il TAR del caso Gala gli oneri di sistema sono oneri “fiscali”, rivolti cioè alla generalità dei cittadini.

Mentre, per il regolatore, è l’ex presidente Bortoni che parla: “le sentenze della giustizia amministrativa si rispettano ma hanno travisato la materia; la richiesta di socializzare sarà l’ultima spiaggia, non si andrà subito a socializzare il buco; dovremo riformare le decisioni della giustizia che non stanno in piedi, pur rispettandole; dovremo definire formule di sopravvivenza da qui al nuovo assetto ‘a canone Rai’, spero che il transitorio sia di alcuni mesi, vedremo; stiamo già pensando ai criteri da rispettare per iscriversi all’albo previsto dal Ddl concorrenza“.

Ad oggi, non solo non esiste l’albo ma i piazzisti di energia proliferano, tanto sanno che, come nel caso Green Network, non possono fallire.

4 pensieri su “La socializzazione delle perdite

  1. Di questo passo se non avverranno cambiamenti di rotta finiremo x farci la guerra x il commercio dell’energia elettrica NESSUNO PERÒ PARLA di energia solare x il privato X che? Amici che lo anno fatto negli ultimi 3 anni dicono di guadagnare. 4 kw costo euro tra 4 / 5 euro il tempo e tecnologie aggiornate ci dirà se è conveniente.

    "Mi piace"

  2. Egr. ing. Beltrame
    Lei non può immaginare in quale distorsione del mercato (se così si può chiamare) sono capitato. A parte ho inviato diverse raccomandate alla RAi per informarla che le abitazioni intestate a mia moglie sono secondarie e mi sono visto addebitare il canone per il 2016. Quello che vorrei sapere se all’Agenzia delle Entrate di Torino sono lette le raccomandate perché, a tutt’oggi, risulta inevaso il canone per sette mesi del 2016.
    Ma l’aspetto più grave della vicenda sono le fatture pervenute per i consumi dell’energia elettrica relativi ad una abitazione secondaria disabitata e per un’altra abitazione che viene utilizzata saltuariamente.
    Vuole sapere a quanto ammontano le fatture globalmente per un periodo di circa 10 mesi quasi € 1.000,00.
    La cosa che mi ha sorpreso di più è il fatto che le fatture relative all’abitazione disabitata è di circa € 400,00.
    MI è pervenuta la risposta della società che cerca di giustificare detti importo con gli oneri di sistema e con altre voci: ma a casa mia, normalmente, la fattura dovrebbe essere preponderante il peso dei consumi: qui in Italia le voci si invertono, sono più le spese per altri oneri che per quelle relative ai consumi. (A proposito il contatore è fermo da mesi).
    Certo che l’AGEEGSI si è inventato un bel sistema di fatturazione per favorire le società: come mai negli altri paesi il rapporto tra consumi e spese fisse è completamente diverso rispetto al nostro paese?
    Un’ultima considerazione: mi fa sorridere il fatto che il garante abbia dato mandato alle società di sostituire i contatori di seconda generazione: ma mi sembra lecito chiedere al Garante in tutti questi anni i contatori utilizzati erano legali? A me sembra di no ed anche la loro frase nella delibera del 2007 che i contatori potevano essere utilizzati fino alla loro sostituzione, la dice lunga sulla legalità di questi contatori e su come sono gestite le situazioni di illegalità in Italia.

    "Mi piace"

Rispondi a Aggio di Enel e disagio del consumatore | Il blog di edoardo beltrame Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.