I nuovi contatori del gas

In tutta Europa, i contatori del gas vengono sostituiti,per legge,dopo un certo numero di anni, invece in Italia non é mai stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo di una legge del 1991, senza il quale i contatori del gas possono misurare a vita.
Nel 2008 l’Autorità per l’energia  segnalò a Governo e Parlamento, rilevanti problemi di metrologia legale e poi, senza alcuna risposta, deliberò sulla teletrasmissione del dato di consumo.

Incurante del fatto che il dato potesse essere generato da contatori obsoleti e, nonostante la metrologia legale non fosse di sua competenza, l’Autorità impose un programma di adeguamento elettronico dei c.d. sistemi di misura, scaricandone il costo sulle nostre bollette.

Tutti i c.d. sistemi di misura del gas – cosiddetti perchè il ministero dopo venticinque anni non li ha ancora definiti – ne sarebbero stati interessati: da quelli per i consumi industriali e commerciali, a quelli per le utenze domestiche.

Ma perché trasmettere e gestire un dato che nasce male? Quali sono i vantaggi per l’utente?

Se, per i consumi industriali e commerciali, l’intervento poteva anche essere giustificato, dal valore economico del volume del gas in gioco, proporre lo stesso intervento a decine di milioni di utenti che usano il gas per cucinare o per farsi una doccia, sembrò forzatura, giustificata solo dal fatto che i consumatori l’avrebbero pagata.

In Italia siamo per il progresso e  dobbiamo essere di esempio per gli altri paesi.

Così si attendono sessant’anni per sostituire un contatore, che il consumatore nel frattempo avrà pagato chissà quante volte, per mettergli in casa la Ferrari dei contatori, senza aver ancora capito come funziona e raccontandogli le solite balle, come quella che pagheremo quello che consumiamo!

Da noi il gas è già il più caro d’Europa, il consumatore non sa neppure quanto consuma, nessuno legge il contatore e non saranno quindi 500 € in più a mandarlo in rovina.

Non se ne accorgerà neppure perché saranno spalmati negli anni sotto la voce “gestione del contatore”, magicamente comparsa nelle nuove bollette, torbidamente aggregata alla voce “trasporto”.

Ma siccome il consumatore deve essere preso in giro fino in fondo, con l’avviso della sostituzione, vi verrà offerto di provare il vecchio contatore.

Con il risultato che, se la prova confermerà che il contatore è conforme – e quindi non vi ha fregato negli ultimi decenni – dovrete pagarla; se invece risulterà non conforme – e quindi probabilmente vi sta fregando da decenni – è gratuita.

I risultati della gestione del dato di consumo sui primi due milioni di contatori installati sono deprimenti, le bollette continuano a fatturare il consumo stimato e il consumatore paga di più un servizio che già prima era inesistente.

E’ lecito anche chiedersi perchè non propongano di provare anche i contatori della luce, che vogliono sostituire.

La prova é impossibile perché sono illegali!

4 pensieri su “I nuovi contatori del gas

  1. Egr. ing. Beltrame
    oggi mi è pervenuta la comunicazione che il giorno 07/03/2017 sarà sostituito il contatore del gas in base ad una delibera dell’AGEEGSI del 2013.
    Quello che trovo strano è che dalla data delle delibera ad oggi sono trascorsi già oltre tre anni: già questo fa capire che c’è qualcosa che non quadra.
    E sì perché da quando è stata deliberata la sostituzione del contatore, considerata la struttura della società, è trascorso così tanto tempo per attuare questa sostituzione?
    Ma questo non sarebbe niente: a fronte di questa comunicazione ho inviato alla società ITALGAS una mail certificata nella quale chiedo espressamente se il nuovo contatore è certificato e conforme sia secondo le norme italiane ma soprattutto quelle europee.
    Ho fatto anche presente che sono sempre in attesa della risposta da parte di ACEA SPA ora ARETI circa la certificazione e la conformità del contatore elettronico ed il sistema di trasmissione dati dal contatore alla centrale, dati che sono alla base della fatturazione.
    Sono cinque mesi che è stata fatta la richiesta alla società ma tutto tace: in compenso arrivano periodicamente fatture di conguaglio anche se mensilmente invio alla società fornitrice i dati di lettura del contatore.
    Quello che mi chiedo è questo: leggendo la delibera dell’Autorità mi rendo conto che bisogno essere dei maghi per potere interpretare tutte le elucubrazioni insite nella stessa.
    Solo che, in base a queste delibere, si adottano sistemi e metodi che sono incomprensibili al cittadino infarinato figuriamoci ai cittadini sprovveduti di qualsiasi conoscenza dei sistemi e dispositivi di misura.
    E’ ora che le autorità competenti ci dicano se gli strumenti adottati sono certificati e conformi con il nome della società che li ha realizzati e quella che ha effettuato le misure di verifica degli strumenti per poterli immettere sul mercato, che gli strumenti di misura siano accompagnati da libretti di istruzione che consentano agli utenti di comprendere come effettuare le letture e come comunicarle alla società fornitrice.
    Infine il ministero dovrebbe dire come funziona il sistema di trasmissione dati dal contatore alla centrale che è la base della fatturazione.
    Per quanto mi riguarda, reputo l’attuale sistema di lettura del contatore fuori controllo anche perché ho potuto sperimentare personalmente come la centrale avesse preso un abbaglio nella trasmissione dati al fornitore con una differenza in più di circa 8.000 kWh.
    Dopo aver fornito i dati di rettifica sono ritornati con i piedi per terra.
    Penso che il sistema italiano che attiene ai contatori, alla lettura dei dati,alla fatturazione e ai conguagli sia molto approssimativo e,cosa strana, che favorisca sempre le società di distribuzione e quelle di vendita.

    Mi piace

    • Deve verificare l’anno di fabbricazione dell’attuale contatore: se ha meno di 15 anni l’obbligo di sostituzione non sussiste. Se ha più di 15 l’obbligo sussiste ma chi le viene a sostituire il contatore deve darle, per legge, tanta di quella documentazione che, alle sue giuste richieste, desisterà per sfinimento.

      Mi piace

  2. Grazie Costantini, le rammento che non esiste obbligo normativo che impone la costituzione dei contatori attuali del gas ne esiste evidenza circa un deterioramento del sistema di misura dei contatori esistenti elettrici. Li cambiano solo per far girare l’economia e perché li paghiamo noi utenti.

    Mi piace

  3. Egr. ing. Beltrame
    in merito alla sostituzione dei contatori ho fatto presente alla società fornitrice e adesso farò la stessa cosa nei confronti delle società distributrici affermando che detta sostituzione potrà essere fatta solo dopo che avranno consegnato la documentazione che attesti che gli attuali contatori sono conformi e certificati alle norme europee.
    Al riguardo non mi basta una semplice lettera ma voglio copia della documentazione rilasciata dalla società di certificazione, riconosciuta dalla legge, nella quale detti contatori, sia quello del gas che quello dell’energia elettrica, siano certificati e conformi.
    Non solo ma pretendo di sapere come funziona il sistema di trasmissione dei dati dal contatore alla centrale, dati che sono in sostanza quelli che sono alla base della fatturazione. Una cosa mi sorprende: come mai avendo a disposizione un sistema di telelettura che consente di inviare i dati relativi ai consumi ai fornitori ogni mese le società distributrici inviano le cosiddette fatture di trasporto, base per la fatturazione ogni mese salvo poi effettuare i conguagli ogni due /tre mesi? Che senso ha e perché non viene preso in considerazione il dato relativo all’auto lettura dato che c’è sempre discordanza tra quelli comunicati dal cliente e quelli comunicati dal distributore? Penso che la situazione italiana sia per le tariffe applicate che per il metodo di misura sia oggettivamente la più disastrosa grazie all’appoggio del Garante nei confronti delle grandi società di distribuzione.
    Fino a quando durerà questa situazione di monopolio delle grandi società distributrici?
    Distinti saluti. Giuseppe Costantini

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...