La caccia al pollo

Con la fine del mercato tutelato si apre la caccia al pollo, quello che non sa quanto consuma ma firma contratti di luce e gas.

Povero pollo, non legge il contatore e si fida delle bollette che riceve.

Dopo avervi martellato al telefono dai call center all’estero, busseranno alla porta chiedendovi di vedere una bolletta:“con noi risparmierà, firmi qua…. non la sto truffando… avrà tempo per pensarci e, se cambierà idea, quando le telefoneranno, potrà  dire di no”.

Il pollo firma, senza leggere e, quando gli telefonano, risponde con una serie di si alla cieca!

I metodi per fregare il pollo sono tanti.

C’è chi propone “uno sconto del 50% sui primi 225 kWh consumati nel mese”.

Il pollo non si chiede neppure quanti ne consuma, né rispetto a quale prezzo viene offerto lo scontoIl pollo, affascinato dall’idea dello sconto, neppure si accorge di sottoscrivere una polizza assicurativa che non copre nulla e serve solo al cacciatore per rifarsi dello sconto.

Solo dopo, il pollo scopre che paga il doppio di prima perché consuma più dei 225 kWh scontati e i kWh eccedenti gli vengono addebitati ad un prezzo di affezione.

Poi ci sono quelli che raccontano la favola dell’energia verde al 100% – che é una balla – ma si guardano bene dal dire al pollo ambientalista che costa di più!

I cacciatori più creativi propongono lo sconto del 100% sulla quota energia del primo mese: bastano quattro conti per capire che vale un paio di caffè, che non giustifica il cambio di fornitore, ma il pollo non é preparato e accetta.

In TV lo sconto oggi è di 50€: non dicono su cosa, ma i polli saranno milioni.

Preparatevi per tempo, sara una mattanza!

Un pensiero su “La caccia al pollo

  1. Egr. dott. Beltrame
    in questo articolo è evidenziato la falsa pubblicità fatta dalle varie società, soprattutto quelle maggiori, dove l’unico dato fornito è quello relativo al consumo, e questo deve essere considerato un comportamento scorretto in quanto nelle fatture compaiono voci che sono scoperte solo quando sono recapitate.
    Non solo oltre voci aggiuntive è sì specificata la voce cui sono addebitate ma, al cliente che le legge risultano dati inesplicabili.
    D’altra parte l’Autorità per l’energia ed il gas non è che faccia molto per cercare rendere più leggibile ma soprattutto interpretabile la fattura ma leggendo il glossario sul suo sito ci si rende conto che è la prima responsabile della difficoltà, da parte del cliente, di poter interpretare oggettivamente i dati della fattura stessa.
    Quello che mi sorprende,non più di tanto,è il fatto che, dal 2016, sarà soppresso il mercato a maggior tutela; allora sì che saranno botte da orbi.
    Ecco perché in questo periodo le varie società stanno facendo campagna elettorale, come dice Lei, porta a porta, per accappararsi il maggior numero di clienti.
    Penso che dal 2016 le varie società si faranno una bella risata a scapito dei clienti che saranno costretti a pagare fatture più pesanti.
    Rimando ad un articolo successivo la questione della sostituzione dei contatori: ho ricevuto una risposta da parte del Garante che mi ha lasciato di stucco: non sono tenuto a presenziare alla sua sostituzione e non sono obbligato a conoscere il dato dell’ultima lettura personalmente.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...