I progetti sbagliati: il terminal gas

Il Sole 24Ore registra l’interesse del fondo inglese First State al terminal gas OLT di Livorno, un’altra cattedrale nel deserto messa parzialmente a carico dei consumatori.

Sta arrivando, dicono, il primo shale gas USA, per coprire le punte di richiesta invernali.

Non si può neppure immaginare quello che ci costerà in bolletta!

In Italia funziona così: si progetta un opera indipendentemente dal business plan e la si costruisce. Poi si batte cassa al governo di turno che trasforma un opera, sostanzialmente inutile, in “infrastruttura strategica” che, come tale, può essere messa a carico delle bollette.

Il ritorno sull’investimento é oggi del 7% ma c’è una richiesta di rivederlo al 10-15%, tanto ci sono gli idioti delle bollette che la garantiscono.

A botte di cento milioni all’anno, garantite dall’Autorità dell’energia a copertura dei mancati ricavi, siamo arrivati al 2017 e siamo pronti a passare il tutto agli inglesi.

Perchè dobbiamo vendere una struttura strategica agli stranieri?

Perché dobbiamo garantire i ricavi di un’iniziativa, che nasce privata e poi ottiene la garanzia pubblica che annulla qualsiasi rischio d’impresa?

Perché, con le nostre bollette, dobbiamo ripagare i costi di investimento anche se l’impianto resta totalmente inutilizzato?

Perché in Italia s’incassano gli utili e si socializzano le perdite?

La storia del OLT di Livorno é emblematica, come sarà per la TAV o per il ponte sullo stretto.

Dieci anni per realizzare il rigassificatore, ancorato al largo della costa livornese; progetto che nasce già antieconomico, perché il volume dei serbatoi non è quello ottimale per ricevere le metaniere.

L’impianto, nato per iniziativa del gruppo tedesco E.On, avrebbe dovuto scaricare esclusivamente il gas dei tedeschi.

La domanda di gas era prevista in trionfale aumento e il rientro economico del progetto era certo.

Il tubo di collegamento con la terraferma, lo avrebbe posato Snam Rete Gas, a spese nostre.

imgNews2

Con gli anni però le cose cambiano, arriva la crisi e la domanda di gas precipita.

La costruzione è in notevole ritardo e l’impianto rischia di restare inattivo per anni, se non per sempre.

Così E.On lo mette a disposizione anche di altri operatori, dopo aver negoziato con il Ministero una tariffa in bolletta, che pagheremo anche se l’impianto resta inattivo. 

E infatti, nel 2013 e nel 2014, l’impianto resta fermo ma in bolletta vengono scaricati 45 milioni di euro, che diventano 80 nel 2015 e saranno 100 nel 2016.

Quando E.On decide di lasciare l’Italia, l’impianto viene classificato “strategico” dal governo, “per garantire la sicurezza del sistema gas” e la metà finisce nelle mani della IREN, la ex-municipalizzata di Genova e Torino.

Come per le centrali, che paghiamo anche se non producono energia elettrica, paghiamo un impianto fermo a vita perché di gas ce ne sarà sempre più.

E allo stesso modo paghiamo, e pagheremo per anni, la BreBeMi vuota, gli aeroporti vuoti, la TAV vuota e tutti i progetti che nascono con l’unica  certezza di venire dichiarati,prima o poi, strategici e quindi messi a carico delle bollette.

Un pensiero su “I progetti sbagliati: il terminal gas

  1. Qui caro Yves arriviamo al comico invece.
    .
    Esempio di azienda energivora italiana con contratto di fornitura interrompibile per avere, nei turni notturni, sabato e domenica, un costo dell’energia pari al 10% della tariffa piena.
    In una settimana ci sono 21 turni di 8 ore ciascuno.
    Il risultato è che le aziende energivore, con contratti interrompibili, sosterranno un costo medio ponderato nella settiman pari a circa il 53% della tariffa intera.
    Ecco perchè le industrie energivore possono ancora restare in italia.
    Ma dove sta il trucco direte?
    Nessun trucco: la differenza la mettono tutti gli: consumatori diurni e famiglie.
    L’ALCOA, che è una ditta multinazionale seria e non voleva ricorrere a troppi sotterfugi ha mandato a cagare l’europa e l’italia; e bene ha fatto.
    .

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...