Energia termoelettrica:un disastro

Il rapporto della Direzione Generale del Ministero dello Sviluppo Economico evidenzia la crisi del settore.

Si sarebbe potuta evitare, chiudendo le centrali vecchie mentre se ne costruivano di nuove, ma non è andata così! 

Le abbiamo mantenute noi con le bollette e il prezzo dell’energia è tra i più cari in Europa!

La corsa all’energia termoelettrica parte con il decreto Bersani che, nel 1999, imponeva a Enel di cedere 15 GW della sua potenza installata.

Le centrali di Enel vennero assegnate a tre società di scopo – le Genco – che vennero vendute, nel 2001 e 2002, per 8,2 miliardi di euro. 

Il prezzo medio di vendita era di 546 € per ogni kW installato.

Per fare più cassa, le Genco vennero vendute già con l’autorizzazione per l’ammodernamento – repowering – delle centrali, con un grande impegno delle banche e di quelli che intascarono tangenti.

Dopo aver concesso autorizzazioni che coprivano abbondantemente l’intera domanda di energia elettrica, s’incominciò a remunerare, fuori mercato e con sontuosi incentivi, l’energia rinnovabile.

Il crollo dei consumi sta oggi avviando il settore verso il disastro.

Nel 2014 la produzione di energia termoelettrica è calata del 10% e così tutti vogliono chiudere le centrali.

A meno di scaricare sulle bollette gli effetti di questi errori, con capacity payment, nato per remunerare i produttori anche se non producono energia, chi chiude per primo, vince.

Negli ultimi due anni, si legge, il Ministero ha autorizzato la chiusura di 5.800 MW, a cui se ne aggiungono altri 4.100 MW in corso d’istruttoria.

Enel ha già dichiarato di voler chiudere 23 centrali, per altri 12.000 MW.

Prevedibile l’impatto sociale che le decisioni comporteranno, mentre la vicenda Sorgenia, passata alle banche con i soldi dei cittadini, faceva già capire come sarebbe finita.

Un’altra prova del disastro è il recente acquisto dei 4.500 MW di E.On, da parte dei Ceki per un valore, si dice, di 200/300 milioni di euro, che sarebbe un decimo di quello delle tre società ex-Enel.

Un pensiero su “Energia termoelettrica:un disastro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...